Lunedì, 22 Febbraio 2021 20:10

Dimensione mistica di padre Pio

Scritto da

Meditazione del mese di febbraio

Da una testimonianza di padre Eusebio Notte

“Per ciò che riguarda la dimensione mistica di padre Pio, si può dire che era qualcosa continua e nello stesso tempo velata, che lui cercava di nascondere in tutti i modi

e in tutti i sensi: quando dopo la messa si notava un padre Pio estatico,

era impossibile non restare incantati da quello sguardo ricco di santità;

non si poteva non notare la santità di quell’uomo, fosse anche fra mille persone.

Spesso era facile coglierlo mentre viveva momenti di straordinaria intensità che noi non riuscivamo a comprendere.

Per me il vero miracolo di padre Pio era la sua vita.

Allora, io avevo trent’anni circa e lui ne aveva 73.

Noi giovani di trent’anni che gli stavamo attorno, non riuscivamo a reggere il suo ritmo di vita, tant’è vero che ogni due, tre giorni cercavamo di allontanarci per prenderci mezza giornata di evasione, di riposo, poiché era davvero impossibile corrergli dietro in questo rapporto continuo con la gente, le messe, le confessioni ….

un dispendio di energie che logorava fortemente noi giovani, ma non lui.

Spesso, nel cuore della notte, fui svegliato da lui che, in preda a un forte desiderio

di consumare l’Eucarestia, mi chiedeva di andare a celebrare la messa,

perché non riusciva a stare troppo tempo lontano dal Signore.

Io, allora, lo accompagnavo in sacrestia e tornavo a letto come ogni persona normale; lui, invece, si fermava lì, vicino al Signore e, a contatto con Lui, riceveva quella forza e quell’energia interiore che gli permetteva di superare tutte le fatiche quotidiane e le sofferenze conseguenti al continuo versamento di sangue dalle

sue ferite”.

“E’ una grazia per noi il parlare a un Signore così grande, il quale, quando risponde, spande sopra di noi mille balsami e unguenti preziosi che recano una grande soavità all’anima.

Egli parlerà con te, farà cento passeggiate in tua compagnia per i viali del suo giardino d’orazione”.

Altro in questa categoria: « Alla sequela di Gesù
Devi effettuare il login per inviare commenti